28 gennaio

indexFinché il fondamento oscuro della nostra natura, cupo nel suo egoismo onnicomprensivo, folle nel suo impulso di rendere reale tale egoismo, di divorare tutto e di definire tutto per se stesso, fin tanto che quel fondamento è visibile, sempre che esista questo peccato davvero originale dentro di noi, non abbiamo niente da fare qui e non c’è una risposta logica alla nostra esistenza. Immaginate un gruppo di persone che sono tutti ciechi, sordi e leggermente dementi e improvvisamente qualcuno tra la folla chiede: “Che cosa dobbiamo fare?”… L’unica risposta possibile è “cercare una cura “. Finché non sei guarito, non c’è niente che puoi fare. E poiché non credi di essere malato, non ci può essere alcuna cura.

(Vladimir Sergeyevich Solovyov, nato il 28 gennaio 1853, Sole in Acquario, Luna in Vergine, filosofo russo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *