Purificazione e astinenza

1656276_10152249449811041_705914426_nPurificazione e astinenza possono essere motivate da obblighi morali, obbedienza a credenze religiose o autopunizione. Possono essere anche il risultato di scelte fondate sulla propria esperienza diretta, che prova quanto certi comportamenti sono causa di dolore e miseria. In questo caso questi comportamenti sono rilasciati per poter trovare pace e felicità, piuttosto che come atti di sacrificio o rinuncia.

Tra tutte le possibili forme di astinenza, rilasciare la tentazione di trattenere rancori verso se stessi e gli altri è forse la più potente. Ciò comporta astenersi dalla tendenza di attaccare e difendersi, in particolare mediante l’invidia, la gelosia e la competizione. Di nuovo qui lo scopo non è quello di diventare persone sante. È semplicemente quello di essere felici.

Franco Santoro

Immagine: “Maddalena” di Correggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *